Cure respiratorie e ossigenazione cellulare

cure respiratorie

Perché le nostre cellule abbiano una vera vitalità è necessario inspirare 350 litri di ossigeno ogni giorno.

Molte persone tendono a essere obese, accusano varie forme di adiposità localizzate e sono nello stesso tempo cagionevoli di salute. Tutto questo non tanto o non solo perché mangiano troppo e male, ma perché il loro organismo non introduce il dovuto ossigeno nelle cellule, e in particolare nei mitocondri.
Per avere una visione completa del fenomeno è necessario tenere presenti queste 6 regole:

  1. Una persona di peso medio ha bisogno ogni giorno di circa 350 litri di ossigeno cellulare. Purtroppo 2/3 della quantità di ossigeno contenuto nell’aria non entra nelle cellule, ma resta nel sangue perché non si stacca dall’emoglobina, e così passa nel sangue venoso, torna ai polmoni e viene emesso nell’aria espirata.
  2. È fondamentale avere presente il cosiddetto “effetto Warburg”: una deficienza di ossigeno cellulare genera acidi grassi saturi. Quindi ingrassamento, acidosi metabolica, invecchiamento, malattie. Senza la presenza adeguata di ossigeno mitocondriale non solo non si dimagrisce, ma si tende inesorabilmente a ingrassare e molto lentamente ad ammalarsi.
  3. Per bruciare un solo grammo di grasso ci vogliono almeno 2 litri di ossigeno cellulare. Quindi senza la presenza di una quantità adeguata di ossigeno non si può dimagrire.
  4. La circolazione sanguigna rallenta lungo il tempo a causa di processi di vasocostrizione dovuti all’età, allo stress e al pH acido. Ciò determina il trasporto di una quantità minore di ossigeno e nella maggior parte dei casi il formarsi della fatidica “pancetta”. Perciò dopo una certa età (45-50 anni) tutti dovrebbero impegnarsi maggiormente per controllare il rapporto tra circolazione e respirazione, effettuando cure rigenerative e relativo training fisico.
  5. Una respirazione sbagliata, superficiale e veloce (più di 14 respiri al minuto) non favorisce il giusto accumulo di ossigeno. Questo riguarda non solo gli anziani ma anche i giovani.
  6. Lo smog, le polveri inerti e l’inquinamento acustico alterano anche il metabolismo respiratorio e quindi la salute. È opportuno sapere che ci sono microparticelle di diametro inferiore a 200 nanometri che dall’aria passano alle terminazioni recettoriali del naso, e da qui al cervello, causando la proteina beta-amiloide che è alla base dell’Alzheimer. Secondi studi recenti potrebbe essere questa la causa per cui oggi si riscontra con stupore tale malattia anche nei giovani.

Per questo i centri del Circuito organizzano in modo sistematico tutto l’anno – sperabilmente con il coinvolgimento delle istituzioni pubbliche – una serie di iniziative per migliorare l’ossigenazione cellulare e contribuire così alla salute complessiva della persona:

  • corsi di tecniche respiratorie presso i centri del Circuito, per imparare a respirare correttamente e portare l’ossigeno ai mitocondri;
  • riabilitazione respiratoria: sedute riabilitative in accreditamento SSN;
  • ventilazione polmonare: sedute di ossigenazione in accreditamento SSN;
  • corsi di cure naturali ed ecologiche presso il Villaggio della Salute Più, per ossigenare le cellule e combattere le forme di intossicazione ambientale e alimentare. I corsi sono aperti tutto l’anno, anche per i bambini per i quali è importantissimo imparare a respirare.







Newsletter

Ricevi novità, eventi e promozioni

Per cancellarti clicca qui